TECNOLOGIA

Così il tubo “recupera” il calore dalle acque reflue

0
CONDOTTE FOGNARIE in calcestruzzo armato integrate al sistema Rabtherm: si notano la superficie interna in rame e le tubazioni del circuito di scambio termico, che fuoriescono dalla parte inferiore della testata. (immagine Rabtherm Energy Systems)

Il trattamento delle acque reflue è un argomento da tempo al centro della sperimentazione tecnica, allo scopo di trasformarle da rifiuti maleodoranti e inquinanti in un’importante risorsa utile non solo per il riuso a scopi non potabili all’interno degli edifici ma, anche, per la produzione di biomassa.

Finora, però, ben pochi avevano pensato di sfruttare i reflui per recuperare il calore in essi contenuto. Eppure quante volte, al cinema, abbiamo visto tombini dai quali usciva vapore? Tutto calore sprecato!

Infatti, normalmente, le dispersioni di energia termica attraverso i reflui non solo prese in considerazione neppure a livello progettuale. Ciò nonostante, studi recenti hanno stimato che, negli edifici tradizionali, tali perdite termiche siano mediamente nell’ordine del 12÷15% rispetto al bilancio termico complessivo, valore che può raggiungere il 45÷50% in caso di edifici a elevate prestazioni energetiche.

Una soluzione ecosostenibile

Partendo proprio da questi dati, un’azienda svizzera ha recentemente messo a punto un sistema che ha già fornito interessanti risultati non solo dal punto di vista tecnico, ma anche rispetto ai tempi di rientro dell’investimento.Il sistema messo a punto da Rabtherm consiste in un vero e proprio scambiatore di calore integrato alle classiche tubazioni impiegate per la realizzazione delle condotte fognarie. Si tratta, in estrema sintesi, di una superficie captante metallica dalla forma concava, sistemata sul fondo del canale di scarico e collegata alla rete di circolazione del fluido di scambio, che converge verso una pompa di calore.

COME È FATTO? Lo schema evidenzia il principio di funzionamento, estremamente semplice: il calore dei reflui riscalda il fluido termovettore, pressurizzato da una normale elettropompa; una pompa di calore permette il trasferimento dell’energia termica verso l’utenza, reimmettendo nel circuito il fluido di scambio a temperature inferiori rispetto a quelle dei reflui. (immagine Rabtherm Energy Systems)

Le applicazioni

Al momento le applicazioni più efficienti del sistema interessano i reflui di origine industriale che, si solito, presentano temperature più elevate, anche di molto, rispetto a quelli civili, ma non è lontano il momento in cui questi dispositivi potranno costituire una notevole fonte di energia termica sostenibile a bassissimo costo anche nelle aree urbane.

 

ADATTO ANCHE ALLA RIQUALIFICAZIONE. Il sistema Rabtherm può essere applicato anche in caso di condotte fognarie esistenti: è sufficiente posare le superfici metalliche nella sezione inferiore del tunnel, opportunamente risagomata per garantire la migliore efficienza nello scambio termico. (immagine Rabtherm Energy Systems)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here