Dal vapore alle caldaie a condensazione in “cascata”

0
LO STABILIMENTO Stefanel di Ponte di Piave (TV).

Individuare una soluzione che permettesse di garantire un elevato livello di comfort, in grado di ridurre i costi di esercizio, tecnologicamente avanzata e basata sulla tecnologia della condensazione: questo il desiderio della ditta Stefanel di Ponte di Piave (Tv) nel momento in cui ha deciso di sostituire le due vecchie caldaie in acciaio a vapore, dotate di bruciatori tradizionali e con potenza complessiva di oltre 2 MW, che riscaldavano lo stabilimento produttivo veneto mediante l’utilizzo di scambiatori. Così Sandro Zanutto, dell’omonimo studio di San Donà di Piave (Ve), ha proposto un sistema in cascata Elco che ha permesso di soddisfare tutte le esigenze richieste, oltre a garantire continuità di funzionamento in qualsiasi situazione grazie alla presenza di due generatori R607 LMS, installati successivamente da Franco Sartori della ditta S.a. Tecnoservizi di Ponte di Piave (Tv).

Alte prestazioni e comfort assicurato

Grazie alla tecnologia della condensazione e all’accurato studio progettuale è stato così possibile garantire all’azienda di abbigliamento italiana prestazioni e comfort riducendo notevolmente la potenza di picco della centrale richiesta, che è stata portata a 1,1 MW, la metà rispetto a quanto precedentemente installato. La serie R600® LMS, per via della tecnologia del corpo di scambio e della gestione elettronica, garantisce rendimenti medi stagionali molto elevati (>110%) e contribuisce a definire un nuovo standard in fatto di prestazioni per il riscaldamento di edifici residenziali, commerciali e industriali di medie e grandi dimensioni. Il sistema di premiscelazione con raffreddamento a tubi d’acqua, inoltre, permette di ridurre al minimo le emissioni in atmosfera, con valori estremamente bassi (NOx ≤ 35 mg/kWh). La vasta gamma di accessori garantisce poi una grande flessibilità di utilizzo e l’integrazione nella realizzazione di sistemi avanzati e orientati all’efficienza e al rispetto ambientale.

I GENERATORI a condensazione installati in cascata.
LO SCAMBIATORE di calore a piastre con potenza 2 MW.

Fasci tubieri alettati per il corpo di scambio

È proprio il corpo di scambio, quindi, il cuore di R600 ®LMS, realizzato in acciaio inossidabile (AISI 316 Ti); questo componente assicura un eccellente coefficiente di trasmissione termica, un rendimento costante nel tempo e una duratura protezione da fenomeni di corrosione. La tecnologia impiegata nella realizzazione del corpo di scambio di R600 è a fasci tubieri alettati, che consentono di aumentare la superficie di scambio mantenendo compatte le dimensioni di ingombro del generatore. Tre i livelli di scambio distinti sui quali si sviluppa la geometria del corpo: il primo fascio tubiero, data la vicinanza alla zona di combustione, è realizzato mediante fasci tubieri lineari, il secondo e il terzo, invece, posizionati nelle zone inferiori del generatore, utilizzano fasci tubieri alettati, per garantire il processo di condensazione. L’intero corpo di scambio è infine raffreddato a tubi d’acqua, la cui velocità di percorrenza è stata calcolata per ottimizzare lo scambio termico e, nello stesso tempo, per evitare depositi di calcare.

 

PARTICOLARE del quadro comandi del generatore master della cascata.
PARTICOLARE SERBATOIO di compensazione gas e canne fumarie.
I COLLEGAMENTI idraulici e i circolatori modulanti ad alta efficienza.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here