RISCALDAMENTO

Efficienza geotermica: meno sonde, ma più profonde

0

Il sottosuolo italiano riserva una notevole fonte di energia che, sfruttata adeguatamente, permetterebbe risparmi di oltre il 50% nel riscaldamento e raffreddamento degli edifici . Ed è proprio il caso della Provincia autonoma di Trento, regione virtuosa che tra le prime sta riuscendo a sfruttare tutti i benefici delle rinnovabili e che sta utilizzando un impianto geotermico da 44 kW.

L’impianto realizzato

Per il riscaldamento e il raffrescamento estivo, la Provincia autonoma di Trento ha scelto per i suoi edifici un impianto con sonde geotermiche verticali abbinate a pompe di calore ELCO Italia Aquatop.

Il sistema consente lo scambio di energia direttamente con l’acqua di falda attraverso le sonde geotermiche, permettendo di utilizzare l’enorme energia presente nei “reservoir” geotermici. Grazie alle condizioni di temperatura favorevole degli strati geologici profondi, poiché poco influenzati dalle condizioni climatiche ambientali, è possibile, attraverso la pompa di calore geotermica reversibile, ottenere  un elevato rendimento energetico con un ridotto impatto ambientale.

I LAVORI GEOTERMICI. Per ottimizzare l’intero sistema sono state  utilizzate 7 sonde da 115 metri.
I LAVORI GEOTERMICI. Per ottimizzare l’intero sistema sono state utilizzate 7 sonde da 115 metri.

La pompa di calore AQUATOP T-H installata ha potenza termica di 44 kW, raggiunge temperature di mandata particolarmente elevate e offre la possibilità di fornire acqua a 60°C. Il suo funzionamento è estremamente silenzioso ed è stato ottenuto grazie alla doppia sospensione a vibrazione libera del compressore e al corpo della termopompa dotato di un ottimo isolamento.

L’impatto termico sul sottosuolo

Alla fine dei lavori è stata effettuata un’analisi di impatto termico dell’impianto geotermico, una modellazione numerica che consente di constatare l’impatto termico dei carichi energetici dell’edificio sul sottosuolo, sia in inverno che in estate.

LA POMPA DI CALORE. È stata scelta una AQUATOP T-H con potenza termica di 44 kW, raggiunge temperature di mandata particolarmente elevate.
LA POMPA DI CALORE. È stata scelta una AQUATOP T-H con potenza termica di 44 kW, raggiunge temperature di mandata particolarmente elevate.

“L’analisi – spiega il geologo Giovanni Manfroi e responsabile dei lavori – ha mostrato che la maggiore profondità raggiunta dalle sonde ha rappresentato un grande beneficio poiché gli strati profondi della roccia si sono rivelati ricchi di acqua, con una falda acquifera in movimento. Essa ha un grosso potere rigenerativo del sottosouolo che permette di azzerare l’anomalia termica indotta dall’impianto grazie alla somma del trasporto termico per conduzione termica ed al contributo del fluido in movimento del sottosuolo”. Il tutto si traduce in una maggiore efficienza dell’impianto ed un vantaggio dal punto di vista ambientale perché non si va ad alterare l’equilibrio preesistente.

La manutenzione

Essendo a circuito chiuso con materiale in polietilene ad alta densità, l’impianto geotermico non deve subire alcuna manutenzione nell’arco della sua vita. È immediatamente constatabile in fase di primo avviamento se sussistono problemi di tenuta o perdite di carico sui circuiti, quindi dopo il collaudo e la messa in funzione non occorre più alcuna azione sulle sonde.

LE POMPE. Nel locale tecnico sono state installate pompe Magna 3 di Grundfos.
LE POMPE. Nel locale tecnico sono state installate pompe Magna 3 di Grundfos.

L’unica manutenzione che deve essere effettuata è lato centrale termica, quindi la classica alla pompa di calore ogni 6 mesi in occasione dell’inversione tra caldo e freddo. “Le sonde geotermiche di ogni circuito – racconta il geologo –  sono ispezionabili da un pozzetto adiacente all’ingresso della sala tecnica. Ogni circuito è dotato di valvole a sfera, viene intercettato in entrata ed in uscita e accoppiato ad un flussometro. Questo per controllare in corso di funzionamento il flusso per ciascun circuito e per realizzare il bilanciamento tra il circuito più vicino e quello più distante alla sala tecnica”.

Lara Morandotti

 

Scheda lavori

Committente:

Regione Trentino alto Adige

Oggetto:

installazione impianto geotermico da 44 kWt a Trento

Materiali installati:

7 sonde geotermiche verticali a 115m

pompa di calore AQUATOP T di Elco

pompe Magna 3 di Grundfos

Installazione impianto:

Elco Italia, Resana (TV)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here