Pavimento radiante per il comfort in cascina

0
BIG SIZE. Con un unico modulo è possibile coprire una superficie fino a 2×5 metri.

Una vecchia cascina ad Abano Terme è stata protagonista di una ristrutturazione che ha seguito i più avanzati standard tecnologici. Tra questi, la scelta di utilizzare climatizzazione radiante, permettendo un alto comfort grazie ad ambienti climatizzati in modo omogeneo e sostenibile.

Il sistema radiante

L’edificio oggetto della ristrutturazione ospita due famiglie disposte su tre livelli abitativi. Per la climatizzazione a pavimento è stato installato un sistema di pannelli radianti “dispiegabili” che assicurano temperature interne piacevoli ed omogenee, combinate a consumi energetici molto ridotti, sia con il caldo estivo o il freddo in autunno e in inverno. Questo grazie ai tubi che vengono totalmente avvolti dal massetto, garantendo la massima conducibilità termica del calore.

PER LA GIUNZIONE DEI MODULI. Occorre sovrapporre la parte adesiva al modulo adiacente e premerla verso il basso.

L’installazione

Semplicità e rapidità di montaggio sono state le parole chiave per il sistema di climatizzazione.

“Ogni modulo ripiegato viene appoggiato al centro della stanza per poi essere dispiegato verso destra e verso sinistra. Così – prosegue Gianni Crestani, collaboratore dell’impresa Ghi.Ro Impianti s.n.c. che ha realizzato l’impianto nella cascina – è possibile coprire, con un unico modulo, una superficie fino a 2×5 metri. Infatti, laddove è stato necessario accorciare o aggiustare il pannello, sono intervenuto con un semplice cutter per adeguarlo alle dimensioni e agli ingombri del vano”.

LA POSA DEL TUBO. Il pannello installato è dotato di clip nelle quali è stato incastrato il tubo di polibutilene, creando percorsi senza tensioni.

Senza sprechi

La posa del tubo è stata analoga alle logiche della modalità con pannelli a bugne. Il pannello installato è dotato di clip nelle quali è stato incastrato il tubo di polibutilene, creando percorsi senza tensioni, con cambi di direzione di 45 o di 90 gradi e con raggi di curvatura ideali. “Il tubo è stato indirizzato e fissato in modo ottimale e le clip utilizzate – conclude Roberto Ghiro, titolare dell’impresa di installazione – possono anche essere staccate dal pannello per essere riposizionate all’occorrenza, premendole nel pannello usando il piede”.

La giunzione dei moduli 

“La giunzione dei moduli del sistema radiante – spiega Roberto Ghiro, Ghi.Ro Impianti s.n.c., Abano Terme – è avvenuta rimuovendo senza fatica il nastro protettivo dalla striscia autoadesiva presente su uno dei due lati lunghi del modulo. È sufficiente sovrapporre la parte adesiva al modulo adiacente e premerla verso il basso. Una volta coperte le parti grandi del vano, occorre rifinire gli angoli, tagliando su misura gli avanzi di altri pannelli, ottimizzando l’utilizzo dei materiali e riducendo al minimo gli scarti”.

PER ACCORCIARE o aggiustare il pannello, l’installatore è intervenuto con un semplice cutter per adeguarlo alle dimensioni e agli ingombri del vano.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here