Legionella e sanificazione degli impianti, l’approfondimento di A&S

0

Mai come in questo momento storico il rischio biologico, la sua valutazione, la gestione e il controllo assumono un ruolo vitale. Questo risulta importante, sì, negli ambienti di vita, ma fra gli altri, il tema della legionellosi nelle strutture civili è particolarmente delicato da affrontare e per questo motivo occorre porre molta attenzione alla sua valutazione, dal campionamento degli impianti idrosanitari e aeraulici alle analisi microbiologiche da effettuare, dall’elaborazione dei risultati ottenibili per programmare interventi di sanificazione (ove previsti) alla pianificazione di piani di gestione e controllo (da applicare indipendentemente dai risultati ottenuti).

Scarica gratis l’approfondimento del mese

L’applicazione del piano di controllo e gestione del rischio legionellosi e la verifica di questo piano (a titolo esemplificativo i flussaggi, gli shock termici, il controllo temperature all’interno degli impianti, la pulizia dei boiler di accumulo di Acs, i cambio rompi getti, la pulizia Uta) può avvenire con il controllo dei registri di manutenzione e dei registri dei piani di autocontrollo, documenti che devono essere, insieme alla valutazione del rischio legionellosi, conservati in caso di controlli a cura degli enti preposti.

Nel dettagliato articolo di Claudia Romeo (area «Ambiente» della «Romeo Safety Italia Srl»), Walter Pastorello (area «Ambiente» della «Romeo Safety Italia» Srl) e Damiano Romeo (amministratore unico della «Romeo Safety Italia Srl») una puntuale illustrazione delle analisi da compiere e delle azioni da mettere in atto per garantire l’igiene e la sicurezza negli ambienti di lavoro e di vita.

Sulla base di quanto definito all’art. 271 del testo unico della sicurezza, il datore di lavoro ha l’obbligo di valutare il rischio legionellosi presso ciascun sito di sua responsabilità.

Scarica gratis l’approfondimento del mese

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui