Riqualificare edifici e impianti per vivere meglio

0

Durante il seminario “Ricomporre i divari. Progetti e politiche territoriali contro le disuguaglianze” promosso dal Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano nell’ambito del progetto Dipartimento d’Eccellenza sulle Fragilità Territoriali, sono state presentate le strategie per affrontare le geografie e le dimensioni dei divari attraverso politiche legate ad alcuni temi essenziali come l’abitare, il welfare, le reti ambientali e la mobilità. Tra le diverse tematiche affrontate anche il fondamentale ruolo della riqualificazione impiantistica.

Gli obiettivi energetici e sociali

I temi legati alla riqualificazione, non solo energetica ma anche sociale, del patrimonio edilizio sono stati trattati da Edoardo Zanchini di Legambiente e da Lorenzo Pagliano dell’Energy Department del Politecnico di Milano. La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio è una sfida ambientale e sociale poiché i consumi energetici degli edifici dal 2000 a oggi sono in crescita, con impatti deleteri in termini di inquinamento ed emissioni di gas serra. Si tratta di uno dei temi fondamentali in un’ottica di diminuzione delle diseguaglianze, che richiede indubbiamente l’adozione di politiche molto puntuali e forti da parte delle istituzioni nazionali ed europee.

Edoardo Zanchini di Legambiente (a destra) e Lorenzo Pagliano dell’Energy Department del Politecnico di Milano (a sinistra)

Come sconfiggere la povertà energetica

La spesa media delle famiglie per il riscaldamento delle case varia tra 800 e 1.500 euro. Secondo le stime, oltre 2 milioni di famiglie vivono in una situazione di povertà energetica, con difficoltà a pagare le bollette di riscaldamento. Questi problemi riguardano in particolare i condomini dove vivono oltre 14 milioni di famiglie. Dal 1998 a oggi sono stati realizzati oltre 15 milioni di interventi di riqualificazione di cui quasi 4 milioni con obiettivi energetici. Ma gli interventi di efficienza non perseguivano obiettivi di riduzione dei consumi delle famiglie e hanno interessato maggiormente le regioni del nord e le persone con redditi più alti.

Un esempio virtuoso concreto
In un condominio della zona sud-est di Milano, caratterizzato da una scarsa prestazione energetica dell’involucro e da impianti meccanici obsoleti, è stato realizzato un progetto di riqualificazione  focalizzato dapprima sul miglioramento della qualità dell’involucro. A complemento dei risparmi energetici così ottenuti, è stato successivamente effettuato un intervento innovativo sull’impianto di ventilazione meccanica, che consente di recuperare il calore dall’aria espulsa dagli ambienti, convogliandolo sull’evaporatore di una pompa di calore aria-acqua che preriscalda l’acqua dell’acquedotto a monte del circuito dell’acqua calda sanitaria. Sono stati inoltre installati pannelli fotovoltaici che forniscono elettricità alla pompa di calore e alle parti comuni dell’edificio, protezioni solari esterne a lamelle orientabili e impacchettabili, mentre la ventilazione passante estiva è stata abilitata da zanzariere su ogni finestra e al contorno di ogni balcone. I progettisti del settore tecnico del Comune di Milano, supportati dai ricercatori del Politecnico di Milano, hanno riservato particolare attenzione al miglioramento della prestazione energetica dell’edificio, ad esempio valutando diverse strategie di isolamento, anche in riferimento alla correzione dei ponti termici, bilanciando l’impianto di riscaldamento e predisponendo il monitoraggio dettagliato delle prestazioni degli impianti e delle condizioni interne di alcuni appartamenti. Complessivamente, grazie a tali interventi, l’indice di prestazione energetica è passato da circa 299 kWh/m² anno, a 34 kWh/m² anno, e una riduzione dell’uso di energia per riscaldamento del 90%.

Antonia Lanari

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here