Ariston e il Politecnico di Milano insieme per una casa connessa

0
“Smart Home: dove c’è IoT, c’è casa”: Ariston e il Politecnico di Milano insieme per una casa connessa. Il brand partecipa all’appuntamento promosso dall’Osservatorio Internet of Things dell’ateneo.

Una casa intelligente, con un impianto integrato di tipo domotico per migliorare il comfort, la sicurezza e i consumi di chi vi abita. In due parole: “Smart Home”, mercato sempre più importante e in continua evoluzione, nonché protagonista del convegno “Smart Home: dove c’è IoT, c’è casa”, tenutosi oggi presso l’Aula Magna Carassa e Dadda del campus Bovisa del Politecnico di Milano (MI) a cui Ariston – il brand principale e più internazionale del Gruppo Ariston Thermo Ariston – ha preso parte.

Promosso dall’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano – nato nel 2011 per indagare le reali opportunità dell’IoT combinando la prospettiva tecnologica con quella manageriale – il convegno è stata l’occasione per presentare i numeri del mercato Smart Home in Italia e all’estero, oltre alle principali novità tecnologiche e alla prospettiva dei consumatori italiani legate a prodotti e servizi smart per la casa.

Come rivela la ricerca BVA – Doxa realizzata nel 2019 e presentata proprio in occasione di questo evento e realizzata su un campione di 1000 persone, la Smart Home è, infatti, sempre più nota ai consumatori italiani (il 68% ne ha già sentito parlare) e il 42% di essi possiedono almeno un oggetto smart in casa.

Di questi ultimi, ben il 14% dichiara di avere acquistato soluzioni di questo tipo per il riscaldamento o la climatizzazione (il 9% ha optato per termostati, climatizzatori, elettrovalvole mentre il 6% caldaie o scaldacqua). Tra i motivi di acquisto per quanto riguarda oggetti smart per la climatizzazione e il riscaldamento prevalgono comodità (34%), controllo dei consumi (28%) e possibilità di un controllo a distanza (22%). Per quanto riguarda la frequenza di utilizzo, ben il 72% delle persone ha dichiarato di fare ricorso alle funzionalità smart.

Infine, il 54% degli intervistati ha poi rivelato di aver effettuato autonomamente l’installazione di servizi associati all’oggetto smart, il 35% di aver chiesto aiuto a un professionista e l’11% di aver provato a farlo autonomamente ma senza successo.


Ariston, attraverso la propria partecipazione al convegno, ha voluto così sottolineare l’importanza, per il brand, di offrire soluzioni sempre più connesse, in grado di facilitare la vita quotidiana di ognuno di noi. Ne è l’esempio più concreto la caldaia a condensazione Ariston Alteas One Net, un prodotto innovativo con connettività integrata di serie, che rappresenta il connubio perfetto tra efficienza, prestazioni eccellenti e Made in Italy.

Grazie all’app Ariston NET, l’applicazione che offre ai consumatori la serenità di una caldaia sempre sotto controllo, è possibile gestire l’impianto a distanza, monitorarne i consumi (per un risparmio economico notevole) e far sì che sia costantemente vigilato dal centro di assistenza di fiducia. Infine, sempre grazie alla connettività smart di cui è dotata, Alteas One Net può essere comandata e regolata tramite il controllo vocale di Amazon Alexa e Google Assistant.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here