Così gli appartamenti consumano solo 3 kW

0

Efficienza energetica a Gornate Olona (VA)Realizzazione ultra rapida e basso fabbisogno energetico sono i due elementi chiave che caratterizzano la costruzione di una nuova palazzina in legno ad Arsago Seprio, in provincia di Varese. La struttura ha una superficie totale di 600 m2 ed è composta da sei appartamenti ad alta efficienza energetica che necessitano di soli 3 kW di fabbisogno ciascuno.

Il progetto

Realizzare un complesso abitativo in cui l’efficienza energetica si abbinasse a un’altissima qualità del comfort interno e registrasse, nel contempo, il più elevato rispetto per l’ambiente è il principale obiettivo che ha guidato il progetto. Sulle veloci tempistiche di realizzazione ha commentato l’installatore Gaetano Cappelletto: “Nelle strutture cementizie, normalmente le tubazioni vengono fissate all’interno di apposite scanalature con la malta cementizia, nel nostro caso abbiamo invece dovuto fissare le tubazioni sia verticali che orizzontali tramite viti e staffe adeguate. Quindi, i tempi per costruire l’impianto idrico sanitario e di riscaldamento non sono stati più ristretti rispetto ad un cantiere normale. Per terminare il cantiere in un mese – conclude l’installatore – invece è stata fondamentale un’ottima collaborazione tra progettista, installatore idraulico e installatore elettrico, studiando  il posizionamento  e i passaggi delle apparecchiature, tubazioni, cassette d’ispezione, corpi scaldanti e sanitari”.

È stato necessario fissare, sotto il pavimento e all'interno delle pareti, le tubazioni sia verticali che orizzontali tramite viti e staffe adeguate.
È stato necessario fissare, sotto il pavimento e all’interno delle pareti, le tubazioni sia verticali che orizzontali tramite viti e staffe adeguate.

Il riscaldamento

Le esigenze di comfort abitativo e di risparmio energetico sono garantite anche dal sistema combinato, caratterizzato da una pompa di calore per il riscaldamento e il raffrescamento estivo, con un COP pari a 4,62, dotata di uno speciale evaporatore, di un ventilatore di ultima generazione e di due valvole di espansione elettroniche. La pompa di calore è integrata con un sistema a energia solare realizzato con cinque collettori, un bollitore per l’acqua calda, un bollitore solare ed un accumulo di energia.

Per il riscaldamento, la pompa di calore Hoval installata ha un COP pari a 4,62.
Per il riscaldamento, la pompa di calore Hoval installata ha un COP pari a 4,62.

L’isolamento

Le elevate prestazioni di efficienza energetica estiva ed invernale sono garantite da un sistema di isolamento a cappotto nell’involucro. Per le strutture interne, quindi le partizioni verticali ed orizzontali, le contropareti ed i controsoffitti, è stata utilizzata lana di roccia. Tale materiale è stato preferito per i suoi eccellenti contributi energetici invernali ed estivi, per le proprietà acustiche di fonoassorbimento, ma anche per la protezione dal fuoco, la resistenza meccanica e la durabilità nel tempo. Per la copertura dell’edificio sono stati scelti i pannelli rigidi in lana di roccia non rivestiti a doppia densità, essi sono calpestabili ed apportano un significativo incremento delle prestazioni acustiche e del comfort abitativo. Un plus ancora più significativo poiché installati su un tetto in legno è la loro prevenzione nella propagazione del fuoco. Infine, il rivestimento  esterno a cappotto è costituito da pannelli con uno spessore di 160 mm e con un valore di μ pari a 1, per pacchetti di chiusura “traspiranti”.

L’impianto di ventilazione meccanica controllata

Per garantire il costante ricambio dell’aria all’interno delle abitazioni, sono stati installati sei sistemi di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore e umidità. “In ogni singolo appartamento abbiamo creato un locale tecnico, sul cui soffitto abbiamo posto l’impianto di ventilazione meccanica controllata. Un sistema – prosegue l’Ing. Giorgio Montagnoli, responsabile della costruzione della palazzina – che in questa tipologia di costruzioni è di assoluta rilevanza, in quanto riesce a riciclare l’aria ambiente e a ripulirla senza la necessità di aprire le finestre”. Inoltre, a supporto dell’impianto di ventilazione, è stato creato un vano tecnico generale, in cui confluiscono tutte le canalizzazioni che scaricano direttamente all’esterno. La ventilazione meccanica controllata installata, disponibile 24 ore su 24, garantisce un clima gradevole e regolabile, senza correnti d’aria e con il costante filtraggio di particelle di sporcizia, sostanze nocive, polveri e pollini.

Progettazione impianto

Termoconsult srl, Sesto Calende (Va) Perito Roberto Fusetti  e Ing. Bertinotti Matteo

Installazione impianto

Cappelletto Gaetano, Gornate Olona (VA)

Materiali installati

  • ventilazione  meccanica controllata Hoval HomeVent FR-180
  • pompa di calore Hoval Belaria R
  • solare termico Hoval:
  • collettori Hoval WK251A, bollitore Hoval ESSR 1000L e ESSR 500L
  • accumulo energia Hoval Enerval 1000L 

L’esperienza dell’installatore

“Per tutte le strutture di questo tipo”, spiega l’installatore Gaetano Cappelletto, Gornate Olona (VA) “durante i lavori bisogna curare particolarmente lo staffaggio delle tubazioni sotto il pavimento e all’interno delle pareti. Durante il cantiere, infatti, abbiamo investito molto nell’operazione di fissaggio delle tubazioni, per il resto abbiamo cercato di attenerci scrupolosamente alle istruzioni di posa delle varie apparecchiature installate”. “Quanto alla manutenzione ordinaria dell’impianto, va divisa in 3 momenti fondamentali: l’ inversione estate-inverno da eseguire direttamente nel locale tecnico, commutando  la pompa di calore e manovrando alcune valvole, poi la pulizia filtri fan coil da pianificare almeno una volta all’anno ed il rabbocco sale e liquido anti-incrostante da aggiungere invece all’occorrenza”. (articolo di Lara Morandotti).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui