Saldature e materie plastiche: dall’UNI un nuovo pacchetto di norme

0

saldatura materie plasticheUn pacchetto di norme (quattro, per la precisione) dedicato alla tematica della saldatura di materie plastiche, in particolare di polietilene. È questo il risultato nato dalla sinergia tra la commissione Saldature e UNIPLAST, l’Ente Italiano di Unificazione nelle Materie Plastiche. Di seguito una breve presentazione dei quattro documenti UNI:

UNI 10520

La UNI 10520 completa quanto previsto nella UNI ISO 21307:2020 in relazione alle procedure indicate come: saldatura a singola bassa pressione; saldatura a duplice bassa pressione, per elementi con spessore en > 22 mm; saldatura a singola alta pressione.
La norma specifica, inoltre, le modalità per la verifica delle condizioni ambientali, delle attrezzature e dei materiali utilizzati per la preparazione in campo e l’esecuzione delle saldature a elementi termici per contatto (testa a testa) per la realizzazione di giunti di tubi e/o raccordi di polietilene per qualsiasi applicazione in pressione. I procedimenti considerati nella norma sono applicabili a saldature ortogonali all’asse longitudinale degli elementi da saldare con una tolleranza di± 7,5°.

UNI 10521

La UNI 10521 descrive una procedura di riferimento per la saldatura a elettrofusione di tubi e/o raccordi di polietilene per il trasporto e/o la distribuzione di gas combustibili, di acqua e altri fluidi in pressione, e i requisiti per i tipi di controllo che devono essere fatti. La norma si applica, assieme alle specifiche istruzioni operative e di sicurezza rilasciate dal produttore del raccordo, ai componenti di polietilene, conformi alla UNI 9736, UNI EN 1555-1, UNI EN 1555-2, UNI EN 1555-3 e UNI EN 1555-4, UNI EN 12201-1, UNI EN 12201-2, UNI EN 12201-3 e UNI EN 12201-4 e UNI EN ISO 15494.

I contenuti della norma possono essere utilizzati congiuntamente a quanto previsto nella UNI 11508. A conclusione della norma vi sono inoltre quattro appendici che approfondiscono seguenti temi:

Appendice A – Controlli visivi sui materiali di polietilene e sulle attrezzature utilizzate;
Appendice B – Schemi di flusso per lo svolgimento delle procedure delle saldature;
Appendice C – Controllo dei giunti saldati;
Appendice D – Esempio di verbale di saldatura.

UNI 10566

La UNI 10566 specifica i requisiti funzionali, le modalità di collaudo e manutenzione delle unità di controllo della saldatura utilizzate per l’esecuzione di giunzioni di tubi e/o raccordi di polietilene (PE), mediante raccordi elettrosaldabili, conformi alle UNI EN 12201-3, UNI EN 1555-3 e UNI EN ISO 15494, per il trasporto e distribuzione di gas combustibile, di acqua per il consumo umano, di acqua gregia prima del trattamento, drenaggio e scarico sotto pressione, e acqua per altri scopi e di fluidi per uso industriale. Il fabbricante dell’apparecchiatura deve applicare quanto previsto dalla legislazione vigente (DLgs 9 aprile 2008 n°81) e rispettare i requisiti essenziali di salute e sicurezza in essa contenuti. La norma è complementare alla UNI ISO 12176-2.

UNI 11508

L’ultima noma è la UNI 11508, che elenca le variabili tecniche che devono essere identificate e contenute in una specificazione del procedimento di saldatura (WPS) per giunti di elementi di polietilene svolti per mezzo del procedimento ad elettrofusione e per mezzo del procedimento a elementi termici per contatto testa a testa. Integra e definisce le modalità di preparazione dei saggi di prova di saldatura secondo quanto indicato nella ISO 11413 e ISO 11414 per ciò che riguarda l’attività di fabbricazione e può essere utilizzata per quanto previsto nella UNI EN 12007-2. Le variabili indicate nella norma sono quelle che influenzano la qualità del giunto saldato.

Tutte le nuove norme sopra illustrate sono disponibili per l’acquisto sul catalogo UNI store.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui