Sistema Arredobagno, andamento più che positivo nel 2021

0
Assemblea Assobagno 2022. Credits Francesco Rucci – Courtesy FederlegnoArredo

In occasione della recente Assemblea Assobagno, che ha celebrato il ventennale dell’associazione, sono stati resi noti gli ultimi dati riguardo al mercato ITS relativo all’Arredobagno. Secondo le ultime stime, il mercato italiano sarebbe in decisa crescita.

L’assemblea di Assobagno – che rappresenta oltre 150 imprese italiane produttrici di arredamento e articoli per il bagno – tenutasi lo scorso 14 settembre, è stata l’occasione per diffondere i consuntivi elaborati dal Centro Studi di FederlegnoArredo relativi al mercato dell’arredobagno.

Sistema Arredobagno, i consuntivi 2021

Nel 2021 il Sistema Arredobagno – 972 imprese operanti nel settore e 22.624 gli addetti – di cui Assobagno rappresenta oltre il 50%, ha fatto registrare un andamento positivo grazie al forte legame con la componente residenziale, con un fatturato complessivo di 3.807 milioni di euro, di cui 2.104 per l’Italia e 1.703 per l’export e un saldo commerciale pari a 1.049 milioni di euro.

+22,5% la variazione del fatturato alla produzione sul 2020 e +11,5% sul 2019, ritornando in valore sopra ai livelli pre-pandemici. Ciò grazie in particolare alle vendite sul mercato italiano (+29,9% in valore sul 2020, equivalenti a un +14,1% sul 2019 ). Positive, ma con un tasso di crescita più contenuto, anche le esportazioni (+14,4% sul 2020, +8,5% sul 2019) che pesano per meno della metà (45%) del fatturato totale. (dati: Centro Studi FederlegnoArredo)

«Inutile negare che oggi lo scenario è molto complicato, nonostante l’arredobagno, come i dati dimostrano, e il settore arredo nel suo complesso, abbiano reagito meglio di altri al mordere della crisi. Il caro energia, le difficoltà nell’approvvigionamento di materie prime e l’incertezza geopolitica ci tengono con il fiato sospeso e ci costringono ad essere prudenti e vigili per il futuro», commenta Elia Vismara, Presidente di Assobagno.

«Ci confortano i dati delle ultime rilevazioni del nostro centro Studi su un campione di aziende, secondo cui si prevede una chiusura d’anno a +10,3%, con un andamento positivo sia per l’Italia che per l’estero (rispettivamente +9 e 12,1%). La stragrande maggioranza delle imprese reputa che chiuderà l’anno con ricavi in crescita rispetto all’anno precedente per quanto riguarda le vendite sul mercato interne, percentuale che scende per l’estero. Sono questi segnali di ottimismo che cogliamo con favore ma che non ci distolgono dalle difficoltà del momento che lo stare all’interno di un’associazione e di una federazione ci permetterà di affrontare con più forza», conclude Vismara.

Dati del Sistema Arredobagno

Sistema Arredobagno – Esportazioni

Per quanto riguarda le esportazioni – che costituiscono il 45% delle vendite complessive e
ammontano a 793,6 milioni di euro (+13,75 sul 2021) – nel periodo gennaio-maggio 2022, i dati confermano la Germania primo mercato (17% dell’export totale) con una variazione positiva del 12 sul 2021 (140 milioni di euro). Bene anche la Francia, secondo mercato: +5,2% sul 2021, (quasi 129 milioni di euro), mentre gli Stati Uniti sono il terzo mercato con 41,21 milioni di euro, registrando un + 38,8 sul 2021 . A seguire il Regno Unito (39,70 milioni di euro) e un +5% sul 202. Chiude la classifica dei top 5 la Svizzera con 38,81 milioni di euro e un +20,6 %.

(dati: Centro Studi FederlegnoArredo)

I comparti del Sistema Arredobagno nel dettaglio

Rubinetti d’arredo bagno

Le vendite dei rubinetti d’arredo bagno (27,8,% peso sul totale del sistema) per il 2021 ammontano a 1,056 miliardi di euro, due terzi dei quali (66%) derivanti dall’export. L’andamento rispetto al 2020 è positivo sia per quanto riguarda le vendite estere (+16,9%) sia soprattutto per la componente nazionale (+32,3%) per un complessivo +21,7%.

Bene anche il confronto con il pre-Covid: +14,5% la variazione in valore. Degli oltre 700 milioni di euro di export totale del 2021, circa un terzo sono destinati a Francia (16,6%) e Germania (15,7%); entrambe le destinazioni registrano una crescita sia sul 2020 (rispettivamente +19,1% e +11,4%) sia sul 2019 (+18,1% e +13,9%).

Mobili

Il comparto dei mobili bagno – che rappresenta il 17,9 % sul totale del sistema – nel 2021 valeva 683 milioni di euro, il 67% dei quali realizzati attraverso vendite sul mercato nazionale (quota in aumento rispetto all’anno precedente), mentre un terzo è relativo all’export. La variazione del fatturato è del +25% rispetto al 2020, in particolare grazie alle maggiori vendite in Italia (+32,4%). Positive anche le esportazioni (+12,2%).

Oltre che rispetto all’anno di inizio della pandemia, i risultati del 2021 sono positivi anche rispetto al 2019 (+16,3% in valore percentuale che sale se si osserva il mercato interno (+24,0% contro il +3,1% dell’export). L’export ha raggiunto nel 2021 i 225 milioni di euro, con una variazione del +12,2% sul 2020 e comunque positiva anche sul 2019 (+3,1%).

Il primo mercato si conferma la Francia, che assorbe circa il 15% dell’export totale. Nel 1° trimestre 2022 l’export del settore accelera ulteriormente (+21,1% la percentuale di aumento in valore) trainato in particolare dagli Stati Uniti.

Chiusure doccia

Nel 2021 il valore delle vendite – il settore rappresenta il 16,6% sul totale del sistema – ammonta a 633 milioni di euro: +21,5% l’aumento sul 2020 grazie in particolare al mercato nazionale (+29,9%) che supera il 60%. Positivo anche l’export (+10,1%). L’andamento si mantiene positivo anche nel confronto con il 2019 (+9,4%).

Ceramica sanitaria

Nel 2021 valeva 480 milioni di euro, con un aumento del +22,4% in valore rispetto al 2020. Positivo in particolare l’andamento del mercato interno (+32,7%) che supera così il 70% delle vendite totali. Anche nel confronto con il 2019 la variazione si conferma positiva, grazie all’Italia (+16,7%), mentre flette l’export. (-6,4%) che però è in ripresa nel primo trimestre 2022 (+7,5%) sebbene non riguardi tutti i principali mercati. Il settore rappresenta il 12,6% sul totale del comparto.

(dati: Centro Studi FederlegnoArredo)